Street Art Oculus. Il primo progetto per la creatività urbana in Italia. Noi ci siamo.

Insegnateci a parlare di street art. A trovare i giusti mezzi per comunicarla. A darle la giusta attenzione e non rilegarla allo status di scarabocchi sui muri delle città. E noi vi insegneremo cosa significa far parte del primo progetto in Italia dedicato all’arte di strada. Questo sarà Oculus.

oculusTrieste e Napoli sono già partite. Torino aspetta ancora qualche giorno e poi sarà pronta anche lei. Bergamo sta scalpitando, e lì mi troverete. Un programma sottoscritto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e una città, Bergamo, nella quale avrò a che fare con dieci appassionati di street art come me e con i migliori esperti di creatività urbana in Italia.

Di cosa stiamo parlando

 Di una necessità. Di un codice per parlare della creatività urbana che negli ultimi anni è esplosa in tutto il mondo. E non ci riferiamo solo a Banksy, ma di una esigenza di espressione che deve essere raccontata da professionisti.

“Oculus – Giovani Operatori per la Creatività Urbana mira così a colmare, con il supporto e la partecipazione di enti e di esperti del settore, un gap del settore creativo con la creazione di un profilo professionale ad hoc, tramite un fitto programma di formazione, tutoraggio e stage di produzione per un evento di rilievo nazionale.”

Cosa succederà

street-art-banksy

Gambe in spalla e direzione Bergamo, dove inizierà la formazione in aula e in città. Due mesi di tutoraggio, uno stage di produzione per un grande evento di creatività urbana di livello nazionale e la fondazione di una nuova associazione creata dai partecipanti.

Non vi basta? Neanche a noi! Infatti ci mettiamo in gioco per raccontarvi finalmente cosa si muove nel mondo della street art.

Elena