Street Art a Napoli. Jorit Agoch

Vi possiamo assicurare che lo street artist Jorit Agoch è napoletano. Va bene, dal nome non lo direste, ma il giovane street artist napoletano, di padre italiano e madre olandese, ha cominciato a scarabocchiare sui muri di Napoli all’età di 13 anni.

Vi possiamo anche assicurare che alla gente di Napoli i suoi lavori piacciono, e non poco. Forse non bonificherà esattamente i quartieri della periferia, ma di sicuro la sua arte coglie nel segno.

Jorit-Agoch

È di pochi giorni fa il suo gigantesco Maradona che svetta tra i palazzoni di San Giovanni a Teduccio, comune alla periferia est della città partenopea. Insomma, va a colpire le passioni degli abitanti della sua città!

Jorit Agoch non è nuovo a ritratti over size sui muri dei palazzoni. Nel suo repertorio, tra bambini delle periferie, immigrati e Santi spiccano anche i faccioni di Vittorio Sgarbi (presa in giro di quell’arte patinata che la street art disdegna?), oltre l’opera dedicata a Massimo Troisi.

Jorit-Agoch

È stato proprio chiamato dal Sindaco in persona a intitolare un murales a Massimo Troisi nella sua San Giorgio a Cremano. Jorit ha iniziato l’opera la mattina di mercoledì 18 gennaio e questo murales riporterà sia il viso di Massimo Troisi che alcune scene dei suoi film proprio nella cittadina dove l’attore nacque e iniziò il suo lavoro.

Jorit-Agoch

Napoli ha il suo nuovo paladino dell’arte di strada. Voi che ne dite?