Cosa vuol dire mangiare bene in Romagna

È facile dire che in Romagna si mangia bene ovunque. Purtroppo per noi anche qui si può incappare in materie scadenti, velleità New Age e poca professionalità…

tagliatelle-romagna

Ecco allora che vogliamo raccontarvi di due ristoranti nel centro storico di Ravenna grazie ai quali si va sul sicuro. Si mangia bene, ai livelli romagnoli, quindi molto bene e si spende il giusto. Niente di sofisticato, è ovvio, ma con ingredienti di prima qualità e una grande attenzione e rispetto per la preparazione dei piatti. Li definirei ristoranti in cui il cibo viene trattato come l’amore di una nonna per i suoi nipoti!

La Ca’ de Vèn

ca-de-ven-ravenna

Istituzione ravennate per la cucina in un palazzo storico del centro reso cantina e ristorante. Non si può dire che siano simpatici, ma il ravennate non lo è mai stato. Romagnolo atipico. Tavoli di legno grezzi e botti di vino alle pareti che già ti dicono come l’offerta in quel senso sia tra le migliori.

La piadina viene impastata e cotta sul momento e da romagnola posso dire che è una delle migliori che abbia mai mangiato. Le paste sono fatte in casa e a parte le classiche da non disdegnare, cappelletti e tagliatelle, ci sono sempre nuove proposte stagionali dalla cucina. Così anche per i secondi che forse cercano di essere più raffinati.

ca-de-ven-ravenna

Sui dolci non ci pronunciamo, ma in fondo non siamo così abili nell’arte dei dessert. Meglio che le “azdore” continuino a fare le sfogline e non le pasticcere!

I Battibecchi

battibecchi-ravenna 

A pochi metri di distanza troviamo I Battibecchi, un piccolo ristorantino che fa da angolo a una piazza del centro storico. Un luogo sicuro, caldo e di approdo per le serate più fredde. Sai che qui trovi del buon Sangiovese e pasta tirata al mattarello, anche gli gnocchi di patate non sono da disdegnare (qui si chiamano tutte “minestre”).

Piccolo appunto sul ragù, purtroppo in Romagna si fa così. Tanto pomodoro e poca carne a mio parere, ma sono schizzinosa.

battibecchi-ravenna

Il cameriere con l’accento romagnolo e la “s” tirata è una delizia da ascoltare. Ti dice subito che è come essere a casa e ti puoi slacciare l’ultimo bottone dei pantaloni per lasciare più spazio alla pancia! Anche se devo fare un piccolo appunto: le porzioni negli anni sono calate…

Ravennati e non vi chiamiamo all’appello: siete d’accordo con me? Ci sono suggerimenti? Noi siamo sempre pronti a mangiare!

Elena