Sarà il 2018 per Palermo

In tv o sui giornali sono sempre più presenti questi incoronamenti culturali a cadenza annuale a città della nostra Italia. Forse prima non ce ne accorgevamo o forse il Ministero dei Beni Culturali si è reso conto che di questi tempi è importante puntare sulla bellezza. E la bellezza, da italiani rigoristi quali siamo, va premiata.

Benvenuta allora Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018!

In questo anno che ci separa dal 2018 dovrai impegnarti molto per dimostrare alle ormai vinte rivali, Alghero, Aquileia, Comacchio, Ercolano, Montebelluna, Recanati, Settimo torinese, Trento e l’Unione dei comuni elimo-ericini, che il tuo premio te lo sei proprio meritato.

palermo

Recita così il Ministro Franceschini e la commissione in sede di elezione: “La candidatura è sostenuta da un progetto originale, di elevato valore culturale, di grande respiro umanitario, fortemente e generosamente orientato all’inclusione, alla formazione permanente, alla creazione di capacità e di cittadinanza, senza trascurare la valorizzazione del patrimonio e delle produzioni artistiche contemporanee.”

palermo

E risponde il Sindaco Leoluca Orlando: “Verrà potenziata l’edizione 2018 del Festival della Letteratura Migrante, nato due anni fa con oltre 140 autori del Mediterraneo. E dopo San Pietroburgo e Zurigo, nel 2018 sarà Palermo ad accogliere Manifesta12, la più grande Biennale di arte contemporanea migrante. Con il piano di riqualificazione de La Kalsa, la cittadella islamica fortificata, Francesca e Massimo Valsecchi, tra i più grandi collezionisti d’arte d’Europa, nel 2018 riapriranno il Palazzo Butera.”

È arrivato dunque il momento, caro capoluogo siciliano, di scrivere la tua storia, o meglio riscriverla visto che ne hai davvero tanta alle spalle.

palermo

C’è chi, come sempre, ti rema un po’ contro e urla alla disoccupazione, sporcizia, traffico, mezzi pubblici inadeguati, criminalità alle stelle! È tempo di smentirli per dimostrargli che, dopo la sconfitta per la Capitale Europea della Cultura 2019 con Matera, sei capace di non fare pasticci all’italiana.

E che quel milione di euro di contributi venga destinato a buoni fini per implementare: il polo teatrale cittadino (che comprende fra gli altri il Teatro Montevergini, Garibaldi, la Sala De Seta, lo Spasimo); il polo espositivo (Galleria d’arte Moderna, Palazzo Ziino, Zisa Zone Arti Contemporanee ZAC, Ecomuseo Mare Memoria Viva) e il polo archivistico-bibliotecario (Biblioteca Comunale e Archivio Storico).

palermo

Io Palermo l’ho visitata in gita di quarta superiore. Nella mia mente c’è il rombo dei motorini con guidatori senza casco e i mosaici d’oro della Cappella Palatina. Speriamo che siano i secondi ad averla vinta!

Elena