Arte contemporanea a New York con Frieze 2017

Si sta concludendo in queste ore, fuso orario permettendo, una delle più importanti fiere di arte contemporanea al mondo: Frieze New York.

On Stellar Rays

Fiera di esportazione, arriva infatti dall’Inghilterra, nella Grande Mela si è trovata davvero bene ed è giunta alla sesta edizione. Le aspettative erano altissime a cominciare dalla nuova e singolare location alla Randall Island, a nord di Manhattan. I ben informati dicono anche che questa sede è stata difficile da raggiungere con i mezzi, ma il popolo dell’arte non ha paura di niente e lo dimostra ogni due anni quando si reca in traghetto alla Biennale di Venezia. Beh, i VIP hanno usufruito delle automobili messe a disposizione dello sponsor BMW. Insomma, cari newyorchesi, tanta preoccupazione per nulla per la location. Una soluzione è stata trovata!

new-york

Sono state più di 200 le gallerie presenti e provenienti da oltre 31 diversi paesi e 6 continenti. Tra le italiane, Massimo De Carlo, Milano, Lorcan O’Neill, Roma, Alfonso Artiaco, Napoli, Galleria Continua, San Gimignano.

La struttura temporanea ha risvegliato gli animi degli artisti che hanno pensato ad opere ad hoc per questi luoghi effimeri. Così commenta la curatrice Cecilia Alemani, nonché prossima curatrice del Padiglione Italia durante l’imminente Biennale veneziana: ”Abbiamo trasformato Randall Island in un fantasy world. Gli artisti invitati hanno risposto alla location proponendo una serie di lavori che giocano in un modo unico con il paesaggio dell’isola”.

Martos

Si è alzata ancora una volta su New York l’immancabile tenda di Frieze, tenda del viaggiatore? Infatti afferma sempre Alemani riguardo la sezione Frieze Talk: “Sono stata entusiasta nel dare il benvenuto a diversi gruppi di relatori che hanno portato le loro visioni uniche e le loro idee sul tema di quest’anno, l’Atlante.”. In fondo l’hashtag della fiera è stato: #SAVEtheNEA, ovvero, salviamo il National Endowment for the Arts!

L’edizione newyorkese di Frieze si è circondata come al solito da ampie e coraggiose operazioni d’arte pubblica. La Public Art Fund ha festeggiato i suoi 40 anni di storia portando a New York, e precisamente nel Brooklyn Bridge Park, il “vortice liquido” di Anish Kapoor, un grande dell’arte contemporanea.

Frieze saluta con il vortice di Kapoor e ci invita ad andare presto a New York!

Elena