Damien Hirst e Anish Kapoor. Gli artisti più ricchi…e poi?

E poi basta. Sono infatti loro due a detenere il primato più concreto di tutti anche per il mondo dell’arte contemporanea. È il Sunday Times a stilare la classifica e far rientrare Damien Hirst e Anish Kapoor tra le 1000 persone più ricche del Regno Unito, insieme a nomi come Sting, Mick Jagger, Phil Collins e Elton John.

Damien Hirst e 270 milioni di sterline

damien-hirst 

Ad attirare l’attenzione del Sunday Times è stato il conto in banca dell’artista. 422esimo tra i 1000 più ricchi del Regno.

Il ragazzo si sa vendere bene, lo sappiamo, e ha trovato nel pubblico “davvero ricco” i suoi più grandi fan che sempre molto volentieri si mettono in casa i suoi teschi tempestati di diamanti. Parte da materiali ricercati e pregiati per produrre opere dal valore esorbitante.

Ormai conscio del suo potere commerciale spesso bypassa i canali tradizionali delle gallerie e vende direttamente al pubblico grazie ad aste milionarie o art-shop dedicati. Hirst pensa anche a chi non può permettersi un’opera da milioni di sterline realizzando lavori di più modeste dimensioni che permettono a molti galleristi e privati di possedere un suo pezzo “prêt-à-porter”.

Lo vediamo in questi giorni alla Biennale di Venezia. A presto Damien!

Anish Kapoor e 134 milioni di sterline

anish-kapoor

Il land artist è un po’ più morigerato e nella classifica dei 1000 si posiziona 832esimo. Poveretto!

Le sue grandi opere sviluppate sul territorio sono difficili da pensare nella casa di un collezionista, ma l’artista raggruppa non pochi estimatori ed è ben pagato per ideare la prossima installazione.

Astratto, concettuale e destabilizzante. Lascia semplicemente senza fiato. La capacità immersiva delle sue opere può essere spesso causa di attacchi di panico come nella sperimentazione del nero più assoluto.

Io so chi preferisco tra i due milionari…e voi?

Elena