5 pagine Facebook per imparare qualcosa e ridere

Una risata ci seppellirà tutti.

Soprattutto noi blogger “impegnati” che parliamo di cultura, arte, bellezza e perifrastica passiva.

E allora scendiamo dal piedistallo, una volta ogni tanto, e facciamoci due risate con 5 pagine Facebook goliardiche ma che inevitabilmente insegnano qualcosa.

Se i quadri potessero parlare

Se i quadri potessero parlare

Grande Stefano Guerrera ad avere avuto questa idea! In pratica ogni giorno posta un quadro famoso o meno e scrive un commento interpretando ciò che i soggetti sembrano voler dire (tutto in modo goliardico, si intende). Tuttavia come cappello introduttivo inserisce sempre il nome del quadro, anno e autore. Un nuovo modo per insegnare storia dell’arte!

Se i social network fossero sempre esistiti

se i social network potessero parlare
Cosa si sarebbero detti Dante, Petrarca e Boccaccio in un gruppo whatsapp? E come sarebbe stato commentato un post di Giacomo Leopardi da D’Annunzio e Verga? Ecco questa pagina cerca di dare una risposta, fra citazioni e rielaborazioni di pensiero degli autori e personaggi storici, davvero ci passerei delle ore.

Le Profezie di Oriana

Oriana Fallaci elevata quasi a una sorta di Cassandra moderna. Tra “l’ha detto” e “l’avrebbe detto”.

Una foto diversa della Prima Repubblica ogni giorno

Qui le risate diminuiscono o diventano davvero amare. Da questo archivio storico sembra non sia cambiato niente. Togliamo il sembra.

De André racconta la serie A

De André racconta la Serie A
La poetica di De André racconta la Serie A in un magistrale connubio di immagini e citazioni che suscitano ilarità e perché no, anche un filo di commozione.

Dimenticato qualcosa? Dai fateci ridere, segnalate altre pagine nei commenti!

Antonio